Vai alla barra degli strumenti
Dic 2

Quando il dimezzamento dei premi per blocco diventa un problema

Quando il dimezzamento dei premi per blocco diventa un problema

L’hashrate sulla rete Litecoin è scesa quasi del 70% dopo l’ultimo halving che ha dimezzato la ricompensa da 25 a 12,5 LTC. Questo è sintomo di un passaggio dei miner ad un’altra blockchain più redditizia. Di solito, il dimezzamento delle monete estratte per blocco, ne fa aumentare il prezzo per il semplice motivo che a parità di domanda, si dimezza l’offerta. Ma ciò non è avvenuto. Mentre Bitcoin (BTC), che a maggio del 2020 si appresta a sua volta a dimezzare la ricompensa, ha sempre visto un aumento dei prezzi dopo l’halving del 2012 e del 2016. Per Litecoin si prospetta anche un problema legato alla sicurezza, perché i proprietari degli ASIC che si sono spostati altrove, potrebbero utilizzare le stesse macchine per attaccare LTC e destabilizzarlo.

https://www.cryptoglobe.com/latest/2019/12/litecoin-s-hashrate-dropped-70-since-block-rewards-halved-to-12-5-ltc-per-block/

La SIAE collabora con Algorand per gestire il copyright su Blockchain

La SIAE (Società Italiana Autori ed Editori), collabora con Algorand per una gestione efficiente del copyright su Blockchain. Algorand utilizza il protocollo PPoS (Pure Proof-of-Stake), che garantisce decentralizzazione, scalabilità e sicurezza, adatta per una corretta gestione dei diritti d’autore. Entrambe le società sono consce che in futuro la gestione del copyright utilizzerà la tecnologia blockchain. Silvio Micali, vincitore del premio Turing e fondatore di Algorand ha detto: “Sono onorato che SIAE abbia selezionato la blockchain di Algorand per fungere da spina dorsale della sua nuova iniziativa”.

Aumento dell’inflazione e posticipo della difficulty bomb per Ethereum

Mentre la maggior parte delle coins cerca di ridurre l’inflazione, gli sviluppatori di Ethereum hanno deciso aumentarla e di posticipare di 4 milioni di blocchi (circa 700 giorni) la difficulty bomb. In questo modo l’inflazione aumenterà di 2.000 ETH al giorno, passando da 11.600 ETH a 13.600 ETH.

Da oggi i clienti Bitfinex possono acquistare le carte regalo Bitrefill

A partire da oggi, 4 dicembre 2019, per i clienti Bitfinex è possibile acquistare una varietà di servizi grazie all’accordo con Bitrefill, fornitore di carte regalo digitali. Mediante i Bitcoin depositati sull’exchange ed oltre 2.000 voucher prepagati messi a disposizione da Bitrefill, si potrà ricaricare il telefonino, acquistare giochi, prenotare viaggi ed usufruire di contenuti d’intrattenimento. Bitfinex ha da poco introdotto il supporto per depositi e prelievi di Bitcoin mediante Lightning Network, per velocizzare i movimenti. In questo modo i clienti saranno in grado di acquistare istantaneamente dal catalogo Bitrefill.

A 4 giorni da Istanbul, solo il 40% dei nodi attivi è pronto

Quando mancano poco più di 4 giorni ad Istanbul, il Fork programmato sulla blockchain di Ethereum, solo il 38% dei nodi Geth e solo il 42% dei nodi di Parity sono stati aggiornati, quindi pronti a ricevere l’upgrade. Ci sono circa 7.000 nodi raggiungibili e solo la metà sono apparentemente attivi. Di quelli, come detto, meno della metà aggiornati. Presumendo che le più grandi mining farm siano già pronte, quello che emerge non è un dato preoccupante. Resta il fatto che chi non si aggiornerà per quella data, non sarà poi operativo.

Smart Contract su Bitcoin? RSK stimola i coder con 200k $USD

La startup Rootstock (RSK) di cui abbiamo parlato in un precedente articolo  ha annunciato con questo tweet che distribuirà 200.000 dollari per finanziare lo sviluppo di dapps basate sulla blockchain di Bitcoin. Per qualificarsi gli sviluppatori possono inviare le proprie idee che verranno quindi sottoposte a un processo di candidatura in quattro fasi che include un round di feedback da parte del team RSK. Rootstock si definisce come la “prima piattaforma di Smart Contract protetta dalla rete Bitcoin”, il team sta cercando sviluppatori che lancino “qualsiasi strumento software che aiuti l’ecosistema RSK”, ad esempio un portafoglio browser per dapps, un compilazione e distribuzione di toolchain per smart contract, o persino nuove proposte per l’aggiornamento di RSK. Incentivare finanziariamente lo sviluppo di dapp su Bitcoin è una strategia intelligente per un’azienda che cerca di creare una comunità di sviluppatori per la sua piattaforma di smart-contract. Le dapps più attive oggi sono state costruite su blockchain pubbliche rivali, come Ethereum, EOS e Tron. Secondo i dati di State of the Dapps, al momento ci sono circa 1.447 applicazioni decentralizzate in esecuzione su blockchain pubbliche in concorrenza con Bitcoin. Gli Smart Contract, dopo tutto, non sono stati un’area di interesse all’interno della comunità di sviluppo Bitcoin fino a poco tempo fa. Ora però oltre a RSK, anche Blockstream si sta focalizzato su un linguaggio di programmazione, Simplicity, al fine di sviluppare questo genere di contratti sulla rete Bitcoin. I candidati hanno i prossimi 12 mesi per presentare idee al team RSK.

Quando il dimezzamento dei premi per blocco diventa un problema

L’hashrate sulla rete Litecoin è scesa quasi del 70% dopo l’ultimo halving che ha dimezzato la ricompensa da 25 a 12,5 LTC. Questo è sintomo di un passaggio dei miner ad un’altra blockchain più redditizia. Di solito, il dimezzamento delle monete estratte per blocco, ne fa aumentare il prezzo per il semplice motivo che a parità di domanda, si dimezza l’offerta. Ma ciò non è avvenuto. Mentre Bitcoin (BTC), che a maggio del 2020 si appresta a sua volta a dimezzare la ricompensa, ha sempre visto un aumento dei prezzi dopo l’halving del 2012 e del 2016. Per Litecoin si prospetta anche un problema legato alla sicurezza, perché i proprietari degli ASIC che si sono spostati altrove, potrebbero utilizzare le stesse macchine per attaccare LTC e destabilizzarlo. https://www.cryptoglobe.com/latest/2019/12/litecoin-s-hashrate-dropped-70-since-block-rewards-halved-to-12-5-ltc-per-block/

Vita dura per i Dex, alcuni ci lasciano.

Cryptobridge, uno degli exchange decentralizzati nati nel 2018 e basato sull’infrastruttura di Bitshares, ha annunciato la chiusura delle operazioni a far data dal 15 Dicembre 2019, a causa della situazione di mercato e delle “crescenti regolamentazioni”. Ricordiamo che anche IDEX – l’exchange decentralizzato più importante per volumi e anzianità – ha dovuto fare una scelta importante in questo senso, introducendo alcuni mesi fa la procedura di KYC obbligatoria. Tutti i canali di comunicazione di Cryptobridge sono stati chiusi con effetto immediato, restando in vita solo il servizio di Supporto per agevolare gli utenti nel ritiro dei depositi – peraltro soggetto a identificazione personale, e quindi anche in questo caso contro la logica dei DEX veri e propri. Se avete fondi su questo DEX è consigliabile spostarli immediatamente, per qualsiasi problema non tardate a contattarci sul Forum e vi aiuteremo a gestire le difficoltà tecniche del caso. Ecco la comunicazione ufficiale: http://crypto-bridge.org/  

Quando un omaggio in criptovalute non è una bella sorpresa

Allacciandoci alla Red Pill pubblicata il 27 novembre sul furto degli oltre 340.000 Ether è interessante notare una cosa. Innanzitutto ecco la transazione incriminata: https://etherscan.io/tx/0xca4e0aa223e3190ab477efb25617eff3a42af7bdb29cdb7dc9e7935ea88626b4 Mentre questo è l’indirizzo di deposito: https://etherscan.io/address/0xa09871aeadf4994ca12f5c0b6056bbd1d343c029 Se andate a visionare le transazioni, vedrete che la prima è rappresentata dal deposito dei 342.000 ETH rubati all’exchange sud coreano, poi ce ne sono altre in uscita con importi molto consistenti utilizzate per trasferire il bottino su altri indirizzi. Ma tutte le altre transazioni con importi molto piccoli ed insignificanti che cosa sono? Se ci pensate, perché fare quel tipo di transazioni in cui le fee (commissioni), il più delle volte, sono più alte dell’importo movimentato? Se togliamo quelle in cui sono presenti note di utenti che chiedono agli hacker di condividere il bottino, molte altre potrebbero essere state eseguite per cercare di tenere monitorato i movimenti di questo wallet grazie alla tecnica del Dusting Attack.

Password dimenticata
Join us on Telegram Channel @MyCryptoHelper

@

Non recentemente attivo