Glossario

KYC-AML

Il KYC (Know Your Customer) è la procedura che prevede la richiesta di documenti e informazioni atti a identificare l’utente, normalmente i dati anagrafici, la copia del documento di identità e di un documento attestante la residenza (bolletta, estratto conto bancario, certificato di residenza). La AML (Anti Money Laundering) è la raccolta di ulteriori e approfondite informazioni, quasi sempre in regime di auto-dichiarazione, atte a escludere che le somme investite siano frutto di attività illecite e/o che il dichiarante non abbia determinati requisiti personali in contrasto con l’attività che si vuole compiere (es: essere cittadino USA, essere persona esposta politicamente, ecc). KYC e AML sono procedure richieste da quasi tutti gli exchange per conferire agli utenti dei limiti di importo entro cui operare; ultimamente anche svariate ICO svolgono procedure di KYC per accettare/selezionare i sottoscrittori.

Leggi tutto →

LIQUID NETWORK

Liquid Network è una sidechain ancorata alla rete di Bitcoin, definita “federata” in quanto si tratta di un network privato basato su enti di fiducia che si occupano della gestione della rete. Permette di elaborare le transazioni molto più rapidamente ed efficientemente rispetto alla sua blockchain di Bitcoin. Liquid è pensata per collegare fra loro exchange di criptovalute e istituzioni finanziarie, e oltre alle transazioni di Bitcoin più veloci permette anche l’emissione di asset digitali,. Con Liquid Issued Asset si possono creare token di monete correnti tradizionali (fiat), asset del mondo reale ed altre criptovalute, e possono essere scambiati con altri membri del network. Le transazioni Liquid vengono finalizzate in due minuti, e la tecnologia Confidential Transaction abilita transazioni completamente private, prevenendo così la pratica del front running negli exchange. Come Funziona I bitcoin entrano nel network di Liquid attraverso un processo di ancoraggio (peg-in), durante il qualevengono bloccati sulla blockchain principale e un importo corrispondente di Liquid Bitcoin (L-BTC) viene emesso sul network di Liquid. Gli L-BTC sono coperti 1 a 1 dai corrispettivi bitcoin e possono essere riscattati sulla catena principale di Bitcoin in qualsiasi momento. Le commissioni delle transazioni sono pressoché nulle in quanto le operazioni eseguite sulla sidechain di Liquid non vengono registrate sulla blockchain principale. A supportare Liquid ci sono Blockstream Green Wallet e il BF wallet di Bnk to the Future in modo da rendere possibile agli utenti di sfruttare al massimo le potenzialità del network composto da exchange come BitMEX, Cobo, Coinone, Coinut, GOPAX, Huobi e Bitfinex. I contro di questa soluzione di scalabilità sono la centralizzazione, essendo una sidechain federata. Anche se nessun membro del network può in alcun modo censurare o bloccare determinate transazioni, la mancanza di una vera decentralizzazione costituisce un punto debole. Inoltre, è l’ennesima soluzione di scaling di Bitcoin …

Leggi tutto →

LIVELLO DI VERIFICA – TIER

Ogni exchange stabilisce – in base alla legislazione vigente nel Paese in cui opera – dei livelli operativi di versamento e prelievo, conferiti ai propri clienti su base giornaliera o mensile (es: livello 1 = 2.000 $/gg e 20.000 $/mese). Per ottenere un livello superiore, quindi con massimali più alti o funzioni addizionali quali il margin trading, bisogna sottoporsi a procedure via via più approfondite di KYC-AML.

Leggi tutto →

LOCK-UP

Il lock-up è il blocco di un certo numero di token, che divengono non trasferibili per un determinato periodo di tempo. Viene utilizzato nelle ICO in relazione ai token assegnati al team, per evitare che il team stesso li possa immettere sul mercato causando inflazione e il calo delle quotazioni. E’ più frequente, e anche più facilmente applicabile per via degli smart contract, nelle ICO basate sulla piattaforma Ethereum.

Leggi tutto →

LOCKING

Sebbene il termine sia simile, il locking è diverso dal lock-up descritto sopra, e consiste nel blocco che un possessore di token attua volontariamente – utilizzando le procedure all’uopo previste – per ottenere dei privilegi concessi dall’ecosistema a cui il token appartiene (es. diritti di voto o accesso a servizi qualificati). L’effetto delle politiche di locking e la ratio per cui sono implementate, è quello di tenere – seppur momentaneamente – una certa quantità di token fuori dal mercato, aumentando indirettamente la scarsità della valuta e sostenendo quindi le quotazioni.

Leggi tutto →

MARGIN TRADING

Chiamato anche trading in leva, è una forma di trading che utilizza fondi presi a prestito. Nota: questa è una strategia ad alto rischio e dovrebbe essere fatta solo da investitori esperti.

Leggi tutto →

MARKET CAP (MARKET CAPITALIZATION)

Il market cap (capitalizzazione di mercato) di una criptovaluta rappresenta il suo valore di mercato complessivo, determinato dal numero dei token in circolazione per il valore del singolo token.

Leggi tutto →

MASTER NODE

Nodi su una rete che spesso richiedono una quantità minima di una determinata moneta in staking per accedere ai premi di stake.

Leggi tutto →

Masternode

Un masternode è semplicemente un full node, o un wallet che mantiene la copia completa della blockchain in tempo reale come i full node di Bitcoin, ed è sempre attivo e funzionante. I masternode hanno però delle funzionalità significativamente diversa rispetto ai nodi normali. Oltre a mantenere la blockchain completa e inoltrare blocchi / transazioni come fa un nodo completo in Bitcoin svolgono diverse altre funzioni. Alcune delle funzioni speciali che svolgono questi nodi sono: Aumentare la privacy delle transazioni Effettuare transazioni istantanee Partecipare alla governance e al voto Abilita il budgeting e il sistema di tesoreria delle cripto etc. etc. Le funzioni svolte possono variare da criptovaluta a criptovaluta, a seconda di come sono stati implementati i masternodes. Questi nodi principali non sono autonomi ma comunicano sempre con altri nodi simili per creare una rete decentralizzata e spesso vengono definiti in forma abbreviata come MN. Avere un masternode di una qualsiasi criptovalute può essere una attività profittevole, ma come nella PoS è necessario mettere in staking importi elevati di criptovalute per poter validare le transazioni.

Leggi tutto →

MERKLE TREE

Un modo di organizzare e strutturare grandi quantità di dati per renderlo più semplice da elaborare .Una struttura dati basata su hash.

Leggi tutto →

Meta Transazioni

Le meta transazioni su Ethereum sono delle transazioni il cui costo del GAS è addebitato a un ente terzo. Con una meta transazione l’utente invia una transazione firmata a uno smart contract che verifica l’autenticità, e addebita la commissione di transazione a un relayer. In pratica con le meta transazioni gli utenti non pagano nessun costo per le transazioni. Le meta transazioni sono state concepite per favorire un esperienza utente migliore, che non deve avere alcun Ethereum per poter spedire importi di token ad altri indirizzi.

Leggi tutto →
[elementor-template id="1520"]
[elementor-template id="1538"]
[elementor-template id="1567"]
[elementor-template id="1551"]
[elementor-template id="1560"]