hidden post imageGli Orphan Blocks (blocchi orfani) sono blocchi validi della catena di Bitcoin che soddisfano tutti i requisiti necessari per essere aggiunti alla blockchain, ma vengono respinti dalla rete. Questo può accadere quando due miners producono un blocco in momenti simili: i blocchi non vengono accettati istantaneamente dalla rete, ma devono essere propagati a tutti i nodi al fine di garantirne la validità.

Ciò provoca una suddivisione temporanea nella rete con i nodi che tentano di decidere su quale blocco continuare a costruire la catena. Il blocco con la maggiore Proof of Work sarà quello selezionato, mentre il blocco con la Proof of Work più piccola viene scartato e definito blocco “orfano”. Un blocco orfano può anche essere prodotto da un attaccante che abbia sufficiente hashing power per tentare di invertire una transazione. In Bitcoin i minatori che li trovano non ricevono nessuna ricompensa.

In Ethereum i blocchi orfani sono denominati “uncle block” (blocchi “zio” perché fratelli della catena “padre”) e a differenza di Bitcoin i vengono retribuiti. Questa innovazione molto intelligente considera gli “uncle” blocchi validi perché rafforzano la rete, in quanto costruiti con una Proof of Work.

Uno degli indicatori importanti di quanto carico la blockchain di Ethereum è in grado di gestire in sicurezza è il modo in cui la “Uncle Rate”, il tasso di creazione dei blocchi “uncle”, risponde all’utilizzo del gas di una transazione.

Anche i blocchi “stale” (stantii), cioè i blocchi normalmente rifiutati in quanto non validi, in Ethereum possono essere inclusi nuovamente nella catena come “uncle”, dove ricevono fino al 75% della loro ricompensa (se considerati validi). Questo meccanismo è stato originariamente introdotto per ridurre le pressioni di centralizzazione, riducendo il vantaggio che i minatori ben collegati hanno sui minatori con uno scarso collegamento. Un vantaggio collaterale di questa politica è che i blocchi “stale” possono essere tracciati direttamente nella blockchain.

glossario