Vai alla barra degli strumenti
Set 27

BLOCCHI “ORFANI” E BLOCCHI “UNCLE”

BLOCCHI “ORFANI” E BLOCCHI “UNCLE”

hidden post imageGli Orphan Blocks (blocchi orfani) sono blocchi validi della catena di Bitcoin che soddisfano tutti i requisiti necessari per essere aggiunti alla blockchain, ma vengono respinti dalla rete. Questo può accadere quando due miners producono un blocco in momenti simili: i blocchi non vengono accettati istantaneamente dalla rete, ma devono essere propagati a tutti i nodi al fine di garantirne la validità.

Ciò provoca una suddivisione temporanea nella rete con i nodi che tentano di decidere su quale blocco continuare a costruire la catena. Il blocco con la maggiore Proof of Work sarà quello selezionato, mentre il blocco con la Proof of Work più piccola viene scartato e definito blocco “orfano”. Un blocco orfano può anche essere prodotto da un attaccante che abbia sufficiente hashing power per tentare di invertire una transazione. In Bitcoin i minatori che li trovano non ricevono nessuna ricompensa.

In Ethereum i blocchi orfani sono denominati “uncle block” (blocchi “zio” perché fratelli della catena “padre”) e a differenza di Bitcoin i vengono retribuiti. Questa innovazione molto intelligente considera gli “uncle” blocchi validi perché rafforzano la rete, in quanto costruiti con una Proof of Work.

Uno degli indicatori importanti di quanto carico la blockchain di Ethereum è in grado di gestire in sicurezza è il modo in cui la “Uncle Rate”, il tasso di creazione dei blocchi “uncle”, risponde all’utilizzo del gas di una transazione.

Anche i blocchi “stale” (stantii), cioè i blocchi normalmente rifiutati in quanto non validi, in Ethereum possono essere inclusi nuovamente nella catena come “uncle”, dove ricevono fino al 75% della loro ricompensa (se considerati validi). Questo meccanismo è stato originariamente introdotto per ridurre le pressioni di centralizzazione, riducendo il vantaggio che i minatori ben collegati hanno sui minatori con uno scarso collegamento. Un vantaggio collaterale di questa politica è che i blocchi “stale” possono essere tracciati direttamente nella blockchain.

Difficulty bomb

Con questo termine si definisce la crescente difficoltà di calcolo dell’algoritmo utilizzato per minare Ethereum. Più diventa complesso, più lenta sarà la produzione di nuove monete.

Dusting Attack

Il Dusting Attack (attacco di spolvero) è una tecnica utilizzata dagli hacker per tentare d’infrangere la privacy degli utenti possessori di criptovalute. Consiste nell’inviare frazioni molto piccole di monete ai …

Halving

Ogni 4 anni in media (210K blocchi) il premio in BTC concesso ai minatori di Bitcoin per la scoperta e aggiunta di un blocco alla blockchain viene dimezzato. Il dimezzamento …

Custodial e non-Custodial Wallets

Le discussioni su quale wallet dovresti scegliere per le tue criptovaluta dipende spesso dal dibattito “portafoglio custodial contro non-custodial” . Un portafoglio “non-Custodial” è un tipo di portafoglio decentralizzato, di …

Trusted Execution Environment (TEE)

Un Trusted Execution Environment (TEE) , tradotto letteralmente Ambiente di Esecuzione Sicuro, è un ambiente computazionale isolato dal sistema operativo principale in esecuzione su un determinato dispositivo. Tale isolamento viene …

Mining pool

Una mining pool è un insieme di realtà che minano cryptovalute.  Unendo la loro potenza di calcolo aumentano le probabilità di scoprire un blocco e ricevere quindi il premio per …

OPCODES

Un OPCODE (operation code, codice operativo) è una parte d’istruzione che specifica l’operazione che deve essere eseguita. Le sequenze di OPCODES vengono utilizzate ad esempio per eseguire programmi nella macchina virtuale …

EIP

Una EIP, Ethereum Improvement Proposal (Proposta di Miglioramento di Ethereum) è in sostanza un documento che fornisce informazioni su una nuova funzionalità di Ethereum che viene proposta per migliorare le …

Password dimenticata
Join us on Telegram Channel @MyCryptoHelper

@

Non recentemente attivo