Skip to toolbar
Aug 13

TETHER

TETHER

Tether è una stablecoin le cui riserve sono garantite da Tether Limited. Attualmente ci sono anche token di Tether supportati da euro (indicato da EUR ₮), ma la stablecoin di  Tether più popolare è sicuramente quella supportata da dollari USA, indicata dal simbolo USD ₮ o USDT, che detiene 1/3 degli scambi giornalieri di criptovalute, seconda solo a Bitcoin. Questo merito è certamente dovuto al fatto che USDTether è stata la prima stablecoin a essere lanciata nel 2014 sul mercato delle cripto, ed è stata usata da sempre per difendersi dalla nota volatilità di questo mercato.

Come funziona Tether (USDT)?

Tether Limited, l’entità commerciale responsabile di Tether, è responsabile dell’accettazione di depositi e prelievi legali e della creazione e distruzione di token Tether in conformità. La Tether Foundation ha dichiarato di essere dedicata alla trasparenza e pubblicherà regolarmente audit pubblici da parte di revisori esterni nella loro pagina sulla trasparenza.

I token di Tether sono funzionati sino a tutto il 2018 principalmente sulla blockchain di Bitcoin, grazie al protocollo Omni Layer. Tether, nelle sue mire di espansione, sta però spostando la maggior parte degli asset sulla blockchain di Ethereum, e a seguire sulle piattaforme di Tron, EOS, e Liquid (la nuova sidechain di Bitcoin gestita da Blockstream). Un token ERC20, oltre ad essere più facile da gestire, apre a Tether la possibilità di essere utilizzata nelle dApp, le applicazioni decentralizzate che costituiranno il web 3.0, un mercato che in futuro avrà proporzioni molto vaste. Anche se anche in questo campo i rivali non mancano di certo.

I rischi di Tether

Ci sono alcune preoccupazioni emerse recentemente sulla legittimità delle riserve di Tether e sul fatto che la società intenda onorare la promessa di audit. Ci sono molte voci sulla relazione tra Bitfinex (il più grande scambio di criptovaluta per volume) e Tether, con accuse di riciclaggio di denaro, collusione e “stampa” fraudolenta di Tether. C’è una causa legale in atto con il procuratore legale di New York, che non vede di buon occhio i prestiti concessi da Tether alla sua partner Bitfinex. Un altro fenomeno interessante è quello che vede un aumento del prezzo di Bitcoin tutte le volte che Tether “stampa” nuovi token.

Per saperne di più su Tether e le stablecoin di maggiore utilizzo sul mercato delle criptovalute abbonati come utente Exclusive e potrai accedere alla nostra sezione Osservatorio Stablecoin.

 

Website: https://tether.to/

Market: https://coinmarketcap.com/currencies/tether/

Twitter: https://twitter.com/paoloardoino

DECRED

Decred (DCR) è una criptovaluta che dà la priorità alla governance decentralizzata e al processo decisionale sulla blockchain. L’obiettivo è avere una blockchain che funzioni

» » »

POLKADOT

Gavin Wood è stato co-founder ed ex-CTO di Ethereum nonchè co-founder ed ex-CEO di Parity Technologies, la società che ha creato e gestito uno dei

» » »

BINANCE COIN

Binance Coin (BNB) è stata lanciata a metà Luglio del 2017 con una ICO (2700 BNB per 1 Ethereum, una delle ICO più redditizie della

» » »

PEERCOIN

Peercoin è essenzialmente una moneta digitale che utilizza la tecnologia blockchain per mantenere un libro mastro pubblico facilmente accessibile contenente tutte le transazioni. Nasce da

» » »

AMBROSUS

Ambrosus è una piattaforma che utilizza la tecnologia blockchain e i dispositivi IoT per tracciare le catene di approvvigionamento in modo completamente automatizzato. Certamente le

» » »

TETHER

Tether è una stablecoin le cui riserve sono garantite da Tether Limited. Attualmente ci sono anche token di Tether supportati da euro (indicato da EUR

» » »

Arriva Muir Glacier, il fork a sorpresa di Ethereum

Un hard fork a sorpresa di Ethereum è previsto per il blocco numero 9.200.000, previsto per giovedì 2 gennaio 2020. L’unico cambiamento in questo aggiornamento è che viene ritardata di 2 anni la difficulty bomb (Ice Age), la feature prevista agli albori di Ethereum che aumenta la difficoltà di mining ogni 100.000 blocchi in modo da accelerare la transizione del network a Proof of Stake. Nonostante l’ultimo fork Istanbul sia avvenuto poche settimane fa, è emerso che gli sviluppatori di Ethereum hanno commesso un errore non prendendo in considerazione l’imminente scoppio della “bomba di difficoltà”. Qui potete trovare un conto alla rovescia dell’aggiornamento di rete:

Lost Password
Join us on Telegram Channel @MyCryptoHelper

@

Not recently active