Vai alla barra degli strumenti
Mag 22

QTUM

QTUM

QTUM

Qtum (QTUM) può essere pensata come una blockchain che rappresenta la combinazione ideale di Bitcoin, nella semplicità ed efficienza del modello UTXO, e dei contratti intelligenti di Ethereum, unitamente ad un meccanismo di consenso di Proof of Stake. Utilizza un “Account Abstraction Layer” per separare le applicazioni dal protocollo sottostante, e abilitare la funzionalità di smart contract e può comunicare con la Ethereum Virtual Machine (EVM), consentendo a Qtum di essere retro-compatibile con i contratti intelligenti di Ethereum. Il protocollo di governance decentralizzata di Qtum consente inoltre alla comunità di modificare la dimensione dei blocchi e la tariffa del GAS di base senza creare interruzioni all’ecosistema.

Qtum utilizza un modello Proof of Stake avanzato, PoS 3, che incoraggia gli stakers a mantenere sempre i loro nodi online per ricevere la ricompensa di staking. Le persone con un minor numero di token che mantengono i loro nodi online possono infatti ricevere una ricompensa maggiore rispetto alle persone con molti token che mantengono i loro nodi online per un periodo più breve. Qtum, a differenza della maggior parte delle altre monete di PoS, non richiede un quantitativo minimo di coin per lo staking, rendendo i premi di staking accessibili a un gruppo più ampio di partecipanti riducendo le barriere di ingresso favorendo quindi un alto grado di decentralizzazione.

Gli sviluppatori (in gran parte ricercatori da rinomate università) stanno attualmente testando le reti di Lightning Network (sviluppata originariamente su Bitcoin) per raggiungere transazioni più veloci, e stanno introducendo Qtum X86 Virtual Machine e Unita. La macchina virtuale Qtum X86 è stata sviluppata per facilitare meglio l’adozione mainstream di contratti intelligenti, e supporterà C, C ++, Rust, Python e altri linguaggi di programmazione ampiamente utilizzati completi di libreria standard, catene di strumenti nativi ed esecuzione di contratti paralleli che migliorano notevolmente l’efficienza del gas. Unita, nota anche come “Qtum Enterprise Edition”, consente alle aziende di implementare rapidamente la tecnologia blockchain in modo da poter immediatamente trarne i benefici. Qtum ha anche lanciato la suite completa di strumenti gratuiti di sviluppo in collaborazione con Google Cloud, progettati per offrire agli sviluppatori e agli utenti non tecnici un modo semplice, veloce e più economico di creare dApp e avviare nodi (ad es. con un comune Raspberry PI) sulla blockchain di Qtum.

Website: https://qtum.org/en

Market: https://coinmarketcap.com/currencies/qtum/

DECRED

Decred (DCR) è una criptovaluta che dà la priorità alla governance decentralizzata e al processo decisionale sulla blockchain. L’obiettivo è avere una blockchain che funzioni

» » »

POLKADOT

Gavin Wood è stato co-founder ed ex-CTO di Ethereum nonchè co-founder ed ex-CEO di Parity Technologies, la società che ha creato e gestito uno dei

» » »

BINANCE COIN

Binance Coin (BNB) è stata lanciata a metà Luglio del 2017 con una ICO (2700 BNB per 1 Ethereum, una delle ICO più redditizie della

» » »

PEERCOIN

Peercoin è essenzialmente una moneta digitale che utilizza la tecnologia blockchain per mantenere un libro mastro pubblico facilmente accessibile contenente tutte le transazioni. Nasce da

» » »

AMBROSUS

Ambrosus è una piattaforma che utilizza la tecnologia blockchain e i dispositivi IoT per tracciare le catene di approvvigionamento in modo completamente automatizzato. Certamente le

» » »

TETHER

Tether è una stablecoin le cui riserve sono garantite da Tether Limited. Attualmente ci sono anche token di Tether supportati da euro (indicato da EUR

» » »

Cristine Lagarde: una task force sulle valute digitali

Christine Lagarde, presidente della Banca Centrale Europea (BCE), alla Conferenza stampa di Francoforte, afferma che guiderà una task force sulle valute digitali e che: “La valuta digitale della banca centrale sta prendendo vita, perché la BCE dovrebbe essere all’avanguardia nell’uso delle nuove tecnologie.” Entrando più nello specifico aggiunge che: “La mia convinzione personale è che, visti gli sviluppi che stiamo vedendo – non tanto nel segmento Bitcoin – ma nei progetti di stablecoin – e ne conosciamo solo uno al momento, ma ce ne sono altri da esplorare e in corso al momento, è meglio essere in anticipo sulla curva, se ciò accade, perché c’è chiaramente una domanda là fuori alla quale dobbiamo rispondere.”

Password dimenticata
Join us on Telegram Channel @MyCryptoHelper

@

Non recentemente attivo