Aug 1

FILECOIN

Filecoin (FIL) è una rete di archiviazione dati peer-to-peer che permette agli utenti di scambiare lo spazio su disco in un mercato decentralizzato su blockchain. Creato nell’anno 2017 da Protocol Labs, lo stesso team dietro a IPFS, il progetto ha condotto una delle maggiori ICO raccogliendo oltre $ 250 milioni di dollari.

La semplicità di utilizzo dell’archiviazione dati in cloud hanno comportato una migrazione di massa di dati verso server centralizzati, sia per gli utenti occasionali che per le aziende con grandi esigenze di archiviazione. Questo ha portato alla nascita di enormi silos di dati, prevalentemente centralizzati e gestiti da giganti della tecnologia come Amazon, Microsoft, IBM e Google. La decentralizzazione di questo servizio grazie alle reti P2P può avere un grande impatto su questo settore e contribuire alla realizzazione di un web decentralizzato.

Come funziona

Filecoin è basato sul protocollo IPFS, che fornisce una interfaccia per l’archiviazione di dati distribuiti, con un indirizzo di contenuto basato su hash come riferimento al file. IPFS manca però di un livello di incentivazione che può aiutare nella sua adozione di massa e quindi nel suo obiettivo finale di sostituire HTTP. Qui entra in gioco Filecoin: l’indirizzo hash generato da IPFS viene memorizzato in uno smart contract sulla blockchain proprietaria di Filecoin. Per recuperare il file basta trovare l’indirizzo hash dalla blockchain e interrogare IPFS per il file associato. Il mercato di Filecoin permette così di scambiare lo spazio di archiviazione e fornire un incentivo a coloro che offrono spazio di storage.

Gli utenti che desiderano archiviare alcuni dati sulla rete Filecoin devono pagare un miner per farlo. Il prezzo di archiviazione è determinato in un mercato aperto in cui i miner competono tra loro per offrire il prezzo più basso. Per questo Filecoin dovrebbe offrire prezzi più competitivi dei rispettivi servizi centralizzati come Dropbox, Amazon S3, etc. etc. I minatori guadagnano i token nativo (filecoin) fornendo l’archiviazione e / o il recupero dei dati. I clienti pagano i miner per archiviare o recuperare i dati.

Più spazio di archiviazione i miner offrono alla rete, maggiori sono le possibilità di ricevere una ricompensa. Per dimostrare che stanno archiviando i dati in modo affidabile i miner devono eseguire diversi processi di elaborazione intensiva chiamati PROOFS (prove). Se lo fanno in modo affidabile e forniscono abbastanza spazio di archiviazione, possono creare nuovi blocchi sulla blockchain di Filecoin e ricevere il premio di rete e le commissioni di transazione.

Filecoin utilizza due nuove tipologie di prove per verificare che i minatori stiano effettivamente archiviando i dati che sostengono di conservare. La Proof of Replication (prova di replica) mostra che un minatore ha veramente archiviato il numero di copie di dati che sostiene di conservare. La Proof of Spacetime (prova del tempo) dimostra che un minatore ha archiviato i dati per un periodo di tempo concordato.

Insieme, queste prove consentono agli utenti di fidarsi dei miner. I miner che forniscono spazio su disco verranno inoltre valutati in base alla loro affidabilità e ai prezzi di archiviazione che offrono. Il mercato dello storage di Filecoin sarà simile a un mercato finanziario, in cui gli utenti possono fare offerte e chiedere offerte.

Conclusioni

Il progetto si pone in concorrenza diretta a Amazon Web Services, Drive di Google, Dropbox, e tutti i servizi di archiviazione centralizzati. I suoi concorrenti diretti su blockchain sono invece SIA di Skynet, NeoFs (blockchain di NEO) e Swarm, basato su Ethereum. Ciascuno con le sue peculiarità, questi progetti rappresentano una grande innovazione nel settore dell’archiviazione cloud. Tuttavia, in questo momento la loro applicazione all’intera gamma di potenziali scenari applicativi è ancora sperimentale.

Secondo l’ultima roadmap pubblicata lo scorso Aprile il team di Filecoin ha riferito di aver raggiunto oltre 5 PB (5 milioni di Gigabyte) di storage su TestNet, e dovrebbe lanciare lanciare la sua mainnet in agosto 2020. Recentemente FIlecoin è stato integrato anche da Ocean Protocol, un protocollo di scambio dati decentralizzato. Se il mercato di Filecoin sarà sufficientemente competitivo potremmo vedere una graduale adozione del protocollo con conseguente valorizzazione del token FIL.

Link: filecoin.io

Mercato: coingecko.com/en/coins/filecoin

 

 

cryptoshots