Vai alla barra degli strumenti
Ago 8

Stablecoin: lo stato dell’arte.

Stablecoin: lo stato dell’arte.

 

Le stablecoin sono una tipologia di criptovaluta che mantiene il valore stabile, legato (“pegged”) ad una valuta fiat, e sono largamente utilizzate nel mercato delle cripto, con volumi che arrivano a quasi un terzo del totale scambiato sul mercato.
Ma se in questo momento il principale utilizzo delle valute digitali stabili è legato principalmente alla speculazione, cioè dal trovare rifugio dalla forte volatilità delle criptovalute, l’ambizione è quella di diventare un mezzo di pagamento convenzionale integrato nelle dApps, le applicazioni decentralizzate del web 3.0.

Cosa sono le stablecoin, e come funzionano? Nonostante ne nascano continuamente di nuove possiamo individuare tre categorie diverse:

  • Collateralizzate da denaro fiat/commodity
  • Collateralizzate on-chain
  • Algoritmiche.

Collateralizzate da moneta fiat, Assets o Commodities

Questa tipologia di stablecoin è la più facile da capire: per ogni unità esiste il valore equivalente in denaro fiat (o assets) in una riserva bancaria. L’utilizzatore di queste criptovalute stabili pone la sua fiducia nell’istituto emittente e nelle verifiche periodiche che avvengono per certificarne i bilanci. La più celebre di tutte è Tether, (sempre al centro delle cronache) che detiene la quasi totalità del mercato, mentre altre valute digitali stabili che funzionano sullo stesso meccanismo sono USDC, TrueUSD e Paxos.

Fanno parte di questa categoria anche le stablecoin istituzionali, come Libra di Facebook, la moneta di JP Morgan o la moneta digitale che vuole emettere la FED. Allo studio, come nel caso di Libra, la possibilità di stabilizzare l’asset digitale attraverso un paniere di commodities\ assets\ titoli\ valute al fine di diversificare il collaterale.

Collateralizzate on-chain

Questa tipologia di stablecoin sfrutta un meccanismo di “sovra-collateralizzazione” di un asset digitale sulla blockchain. per cui ogni unità di questa valuta stabile è coperta dall’equivalente di 1,5 in collaterale. La regina delle valute collateralizzate on-chain è certamente DAI. Per poter generare dei DAI bisogna aprire una Posizione Collateralizzata di Debito, CDP, in cui bisogna depositare un valore almeno il 150% superiore in ether rispetto all’importo che si vuole ritirare in DAI. Questo debito ha naturalmente una commissione che si chiama stability fee.

Il punto di forza di questa tipologia di criptovalute è che sono completamente decentralizzate. Non si appoggiano ad un istituto e a nessuna banca, ma si affidano ai collaterali depositati dagli utilizzatori e funziona interamente grazie a degli smart contract. Altre stablecoin collateralizzate on-chain che funzionano con un meccanismo leggermente sono Synthetix e BitUSD.

Algoritmiche

Una stablecoin algoritmica è una criptovaluta che raggiunge la stabilità dei prezzi espandendo e contraendo l’offerta circolante della moneta con un algoritmo in risposta al comportamento del mercato. Se il prezzo dello stablecoin inizia a scendere al di sotto del suo peg alla valuta fiat, il sistema ridurrà l’offerta di monete in circolazione, aumentando così la domanda (e il valore) per le monete rimanenti. D’altra parte, se il prezzo dello stablecoin sale al di sopra del suo valore nominale, l’algoritmo rilascerà più monete in circolazione, svalutando efficacemente ogni singola moneta. Basis è stata una delle prime, ma il progetto ha dovuto chiudere per questioni regolatorie alla fine del 2018, mentre NuBits non riesce a mantenere il peg con il dollaro; insomma per ora non abbiamo esempi collaudati con volumi di mercato interessanti, ma sono diversi i team al lavoro su nuovi progetti.

Le stablecoin sono una parte importante dell’ecosistema per la crescita della blockchain e diventeranno il pagamento più comunemente utilizzato in forma elettronica. Nella area riservata agli abbonati (registrati qui) analizziamo in dettaglio le stablecoin più comunemente utilizzate nel nostro Osservatorio Stablecoin,.Ti aiuteremo attraverso il nostro forum a comprendere meglio il settore e a muoverti in sicurezza e consapevolezza nel mondo delle criptovalute.

AMBROSUS

Ambrosus è una piattaforma che utilizza la tecnologia blockchain e i dispositivi IoT per tracciare le catene di approvvigionamento in …

TETHER

Tether è una stablecoin le cui riserve sono garantite da Tether Limited. Attualmente ci sono anche token di Tether supportati …

WBTC

WBTC sta per Wrapped BTC (bitcoin “incartati”) ed è un token erc-20 nato con lo scopo di consentire alla liquidità …

La Maker Foundation ha registrato il termine “DEFI” presso lo U.S.Patent & Trademark Office con la specifica “Servizi il mercato online di valute, e precisamente creare/mantenere una piattaforma per il trading di asset digitali”. Il motivo? “Evitare che altri, con finalità negative, se ne approprino”.

Password dimenticata

@

Non recentemente attivo