Vai alla barra degli strumenti
Nov 29

Il futuro di Bitcoin: cosa ne pensano gli osservatori di mercato

Il futuro di Bitcoin: cosa ne pensano gli osservatori di mercato

hidden post imageBitcoin sta andando incontro a una mancanza di afflussi di capitali, sollevando interrogativi sul proprio futuro nel lungo termine.

Alcuni osservatori sostengono che questo nascente mercato ha ancora molta strada da percorrere prima di raggiungere una maturità, come succede in quelli tradizionali dove volatilità e liquidità sono fattori importanti. Altri invece suggeriscono che la scarsità insita nel suo algoritmo sia il fattore principale per il valore percepito di bitcoin, ora come nel futuro.

Un sondaggio condotto da Alex Kruger, un analista dell’ambito delle macro-criptovalute, mostra che la maggior parte dei partecipanti su Twitter è convinto che il bitcoin (BTC) “alla fine” maturerà e si assesterà su una forbice di prezzo ampia, simile a quanto accade nei mercati tradizionali delle materie prime in termini reali.

Per far passare il suo messaggio, Kruger ha detto “qualcosa che si colloca in una fascia in termini reali continua a seguire un trend a livello di valore nominale a causa dell’inflazione, come fa la maggior parte delle materie prime”.

Ma il problema sono sempre i tempi e BTC potrebbe essere lontano da quel livello di maturità nel quale si “collocherà” in un intervallo definito mentre il mercato in espansione delle cripto entra nel proprio decimo anno di vita.

Willy Woo, un analista e trader delle cripto on-chain, ha dichiarato che il prezzo di BTC ha ancora dei modi per trovare un limite massimo di prezzo.

“Tutto quello che sta tra una [capitalizzazione di mercato] da 10 trilioni di dollari e 100 trilioni di dollari va bene”, sono state le parole di Woo.

La capitalizzazione di mercato di BTC, una valutazione del totale delle monete in circolazione moltiplicata per il proprio prezzo a pronti, è pari a 204,4 miliardi di dollari, in calo rispetto al picco di 233 miliardi di dollari registrato lo scorso 27 giugno, secondo le informazioni fornite da Messari, un fornitore di dati sulle criptovalute.

Kruger ha spiegato che la volatilità è probabilmente dovuta alla mancanza di capitale totale nel settore in questo momento. Con l’aumento della capitalizzazione di mercato, l’impatto su BTC da parte di chi muove grandi capitali, giustamente chiamati “balene”, sarà probabilmente meno incisivo nello spostare i prezzi.

Si tratta di una cosa preoccupante per i piccoli investitori, in quanto la volatilità tende a essere l’aspetto più interessante nel trading delle cripto.

Per gli investitori istituzionali, sarebbe un cambiamento positivo.

Nic Carter, uno dei partner a Castle Island Ventures, una società di venture capital specializzata in blockchain pubbliche, ha spiegato che BTC assomiglia a una materia prima più di qualsiasi altra classe di beni, ma ha anche aggiunto che la volatilità non scomparirà tanto presto.

“La mancanza di una risposta in termini di offerta a uno shock della domanda praticamente assicura la probabilità che rimanga volatile nel prossimo futuro”, ha detto Carter.

L’halving di BTC, un evento in cui la ricompensa per l’estrazione di nuovi blocchi è dimezzata, dove cioè i miner ricevono il 50% in meno di BTC per verificare le transazioni, è impostato per il 14 maggio 2020.

In macroeconomia, la scarsità di un bene tende a essere una forza trainante fondamentale che aumenta il suo valore, proprio come accade per i diamanti, il petrolio e l’oro sulla base dell’offerta e della domanda da parte degli investitori speculativi.

Oliver von Landsberg-Sadie, CEO di BCB Group, una società regolamentata di servizi finanziari per le attività digitali, ha evidenziato come il secondo scenario di Kruger, dove la scarsità continua a far salire i prezzi, è destinata a rimanere una costante assoluta. Ha anche detto che l’adozione globale di cripto è molto lontana dall’adozione di tipo tradizionale, ma che i mercati continueranno ad andare avanti, indipendentemente dal prezzo.

“Posso dire con grande sicurezza che l’adozione globale di brand consolidati è in costante e puntuale crescita”, ha dichiarato Landsberg-Sadie.

A che punto sia il ciclo di mercato di BTC è ancora da capire, ma se gli insegnamenti dell’economia classica si dimostrassero veri, BTC potrebbe raggiungere valori elevati nel prossimo futuro.

Tratto da :

https://www.coindesk.com/what-the-crypto-markets-are-saying-about-the-future-of-bitcoin

 

DECRED

Decred (DCR) è una criptovaluta che dà la priorità alla governance decentralizzata e al processo decisionale sulla blockchain. L’obiettivo è …

POLKADOT

Gavin Wood è stato co-founder ed ex-CTO di Ethereum nonchè co-founder ed ex-CEO di Parity Technologies, la società che ha …

BINANCE COIN

Binance Coin (BNB) è stata lanciata a metà Luglio del 2017 con una ICO (2700 BNB per 1 Ethereum, una …

La SIAE collabora con Algorand per gestire il copyright su Blockchain

La SIAE (Società Italiana Autori ed Editori), collabora con Algorand per una gestione efficiente del copyright su Blockchain. Algorand utilizza il protocollo PPoS (Pure Proof-of-Stake), che garantisce decentralizzazione, scalabilità e sicurezza, adatta per una corretta gestione dei diritti d’autore. Entrambe le società sono consce che in futuro la gestione del copyright utilizzerà la tecnologia blockchain. Silvio Micali, vincitore del premio Turing e fondatore di Algorand ha detto: “Sono onorato che SIAE abbia selezionato la blockchain di Algorand per fungere da spina dorsale della sua nuova iniziativa”.

Password dimenticata
Join us on Telegram Channel @MyCryptoHelper

@

Non recentemente attivo