Skip to toolbar
Oct 4

Il Bitcoin Standard e la Scuola austriaca.

Il Bitcoin Standard e la Scuola austriaca.

Saifedean Ammous è l’autore del famoso libro “the Bitcoin standard” e qualche giorno fa ha tenuto una presentazione al Mises Institute a New York. Sono stati toccati alcuni temi fondamentali per la comprensione del fenomeno Bitcoin – criptovalute:

  1. Libero mercato e moneta non governativa
  2. Un ammontare di denaro fisso e non variabile
  3. Preferenza temporale
  4. Chiusura della Federal Reserve
  5. I nemici migliori

il principio del denaro “sano” ha due aspetti:

  • È strumento affermativo nell’approvazione della scelta da parte del mercato di un mezzo comunemente usato per gli scambi.
  • È negativo nell’ostruire la propensione del governo a intromettersi con il sistema valutario

Da una prospettiva della scuola economia denominata “austriaca” un aspetto assolutamente eccellente di Bitcoin è la forza che si cela nella sua accettazione volontaria da parte del mercato. Ha un valore, non per imposizione violenta del governo, ma per una libera scelta della popolazione.

Da 10 anni sta accadendo proprio questo all’infrastruttura della blockchain, viene utilizzata liberamente e le sue criptovalute sono scambiate con volumi crescenti.

Bitcoin è uno schiaffo in faccia ad alcune teorie economiche del passato come “the state theory of Money”

La moneta quindi perde la sua accezione di strumento legislativo e si impone come strumento cooperativo e di mercato.

La definizione di moneta ha bisogno di maggiori approfondimenti e nonostante la funzione di mezzo di scambio sia solo una delle sue caratteristiche, non vi è dubbio che la crescita nell’utilizzo e la capitalizzazione di questo mercato stiano superando quelle di molti sistemi monetari governativi nel mondo.

Nella conferenza ci sono anche sottolineati alcuni punti topici:

  • Bitcoin è l’unica vera alternativa alle monete controllate dalle banche centrali
  • Bitcoin è l’unico sistema monetario internazionale “libero” e funzionante
  • Bitcoin rende possibile immaginare un libero mercato monetario

Il monopolio bancario è un punto di centralizzazione del potere ed oltre ad essere remunerativo genera forti fragilità nella gestione degli equilibri politici. Ora però grazie a questa rivoluzione le persone possono scambiare valore nel mondo senza censura.

Da una prospettiva proveniente dall’Austrian Businness Cycle Theory, le crisi economiche non sono conseguenze del libero mercato ma della distorsione, della manipolazione e della pianificazione centrale delle politiche monetarie e degli interventi statali. Per questa ragione coerentemente alle idee espresse, Bitcoin è uno strumento eccellente.

Risparmi e dimensione temporale:

La cultura del risparmio si è persa nei meandri della storia, la dimensione temporale sembra scomparsa per lasciare il posto a una cultura cieca verso il futuro. Bitcoin inverte la tendenza grazie alle sue caratteristiche non inflazionistiche e ad una propensione strutturale all’apprezzamento. Ci aiuta a pensare più al futuro e a reinserire il concetto del risparmio nelle nostre abitudini. Ci forza a pensare alle cose in maniere differente. La pianificazione per il futuro ritorna un punto focale nel determinare le nostre abitudini.

I nemici:

Tutto il sistema FIAT basato sulla stampa continua della moneta e l’indebitamento, avrà una posizione contraria e ostruzionistica. I rappresentanti del monopolio bancario e gli economisti in scacco a tali istituzioni, saranno i nemici perfetti delle criptovalute. Da JP Morgan agli economisti come Rubini passano per le Fed e molte banche centrali, vedremo nascere molti nemici di questa tecnologia. Difendono i lori interessi, ma per quanto possano far paura, i dinosauri di fronte al meteorite che li fece estinguere, sembrano teneri e indifesi.

Open-Source e problemi irrisolti :

Il codice è aperto, il contributo volontario. Bitcoin muta in funzione di una governance diversa da quella a cui siamo abituati. Ciò di cui non si è parlato in questo intervento è della concorrenza tra le monete e delle modifiche al codice. Chi decide e attraverso quali dinamiche ? Abbiamo ancora molto da scoprire e per questo dobbiamo studiare e tenerci informati. La conoscenza è prosperità, con i nostri servizi ne avrai la dimostrazione, iscriviti: https://www.cryptohelper.it/servizi/

Lorenzo Dalvit

D.E. CryptoHelper

 

 

 

 

 

 

KNC

Kyber Network Crystal (KNC) è il token di Kyber.Network, Il protocollo di liquidità on-chain che consente l’integrazione di una funzionalità di …

RIF

Nel 2015, Ethereum ha dato una grossa spinta al la tecnologia blockchain introducendo le funzionalità degli smart contract, qualcosa che …

dash criptovaluta anonima

DASH

Dash è un fork di Litecoin ed una delle prime criptovalute derivate ​​dal protocollo Bitcoin. Introdotto nel 2014 ha subito …

Arriva Muir Glacier, il fork a sorpresa di Ethereum

Un hard fork a sorpresa di Ethereum è previsto per il blocco numero 9.200.000, previsto per giovedì 2 gennaio 2020. L’unico cambiamento in questo aggiornamento è che viene ritardata di 2 anni la difficulty bomb (Ice Age), la feature prevista agli albori di Ethereum che aumenta la difficoltà di mining ogni 100.000 blocchi in modo da accelerare la transizione del network a Proof of Stake. Nonostante l’ultimo fork Istanbul sia avvenuto poche settimane fa, è emerso che gli sviluppatori di Ethereum hanno commesso un errore non prendendo in considerazione l’imminente scoppio della “bomba di difficoltà”. Qui potete trovare un conto alla rovescia dell’aggiornamento di rete:

Lost Password
Join us on Telegram Channel @MyCryptoHelper

@

Not recently active