Photo by Levin on Unsplash
Apr 14

Arriva Berlin, l’hard fork di Ethereum

Il tanto atteso aggiornamento di Ethereum, Berlin, sarà implementato domani al blocco #12244000.

Originariamente previsto per giugno o luglio 2020, gli sviluppatori hanno ritardato le modifiche a causa di problemi di centralizzazione attorno a Geth, il client su cui viene eseguita la maggior parte dei nodi Ethereum. In realtà non è stata ridotta la dipendenza critica da Geth che attualmente è utilizzato dall’83% dei nodi.

Oltre a varie ottimizzazioni del GAS per gli smart contract e misure aggiuntive per la protezione dagli attacchi denial-of-service (DDOS), gli aggiornamenti proposti alla Ethereum Virtual Machine (EVM) sono stati abbandonati.

Cosa contiene l’hard fork di Ethereum Berlin?

L’hard fork di Berlin è già stato lanciato sulle testnet di Ethereum (Ropsten, Goerli e Rinkeby) nel mese di marzo e contiene diversi EIP (Ethereum Improvement Protocols):

  • EIP-2565 : abbassa i costi per diverse funzioni crittografiche quali firme, VDF, SNARK, accumulatori e altro.
  • EIP-2929 : aumenta del costo del gas per gli state access opcodes migliorando la sicurezza della rete.
  • EIP-2718: rende più facile l’introduzione di nuovi tipi di transazione.
  • EIP-2930: Aggiunge un tipo di transazione che contiene un elenco di accesso, un elenco di indirizzi e chiavi di archiviazione a cui la transazione prevede di accedere. Gli accessi al di fuori della lista sono possibili, ma diventano più costosi.

Il risultato della implementazione di questi EIP è che la rete di Ethereum diventerà più sicura, e alcuni processi che erano troppo costosi in termini di GAS saranno allineati ad un valore che ne permetterà un utilizzo più efficiente. Anche i rischi di rotture accidentali degli smart contract saranno ridotti.

Qui il countdown al fork che avverrà domani mattina alle 11:30 circa.

etherscan.io/block/countdown/12244000

Per precauzione vi consigliamo di non effettuare transazioni sulla rete di Ethereum dalle 11:00 alle 12:30.

I prossimi sviluppi

Prima dell’aggiornamento a Ethereum 2.0 e della migrazione alla proof-of-stake, sono gia programmati altri fork. Il prossimo miglioramento dopo Berlin si chiama London ed è previsto per luglio 2021. Includerà la tanto discussa EIP-1559, un aggiornamento volto ad affrontare le preoccupazioni della comunità su come funzionano le commissioni di transazione di Ethereum.

London ed EIP-1559 rappresenteranno un aggiornamento significativo per Ethereum perché dovrebbero ridurre in modo significativo il numero di commissioni di transazione in sospeso che gli utenti dovranno pagare quando utilizzano la rete. Le commissioni di base saranno introdotte sulla rete e gli utenti dovrebbero aspettarsi commissioni di transazione più basse in generale.

Dopo il fork London, ogni volta che viene finalizzata una transazione sulla rete Ethereum le corrispettive commissioni in Ether vengono bruciate, riducendo la quantità di ETH in circolazione. Ciò dovrebbe aumentare il valore di ETH a lungo termine e far fronte alle elevate tariffe del gas. In sostanza, Ethereum dovrebbe passare dall’essere una moneta inflazionistica (attualmente ogni giorno vengono emessi ad un asset deflazionistico la cui fornitura totale diminuisce con il tempo.

blogposts