Skip to toolbar
Oct 9

Amun crypto report Q3: Amun to the Moon?

Amun crypto report Q3: Amun to the Moon?

hidden post imageTerzo trimestre ed è tempo di bilanci, Amun presenta un report che riassume perfettamente alcune dinamiche di settore alle quali è importante dare uno sguardo.

Amun è una società svizzera che nasce grazie alle possibilità messe a disposizione da Six  , compagnia nota al mondo della blockchain per aver lanciato un CSD ( central securities depository ) per assets digitali.

Amun gestisce diversi tipi di prodotti finanziari, da un paniere suddiviso per quote percentuali legati alla capitalizzazione di mercato, fino a proporre ETPs direttamente collegati ad una criptovaluta in particolare.

Cosa sono gli ETPs:

Sono titoli di debito al portatore garantiti che non guadagnano interessi. Replicano la performance di un’attività sottostante su base invariata o con leva finanziaria. Questi prodotti finanziari non sono fondi di investimento e pertanto non sono disciplinati dalla legge federale svizzera sugli investimenti collettivi di capitale (LICol). Nella maggior parte dei casi, le garanzie (titoli o metalli preziosi) sono depositate presso terzi. Le attività sottostanti sono generalmente singole materie prime, ma possono anche essere panieri, indici o altre classi di attività.

Investimenti:

La finanza tradizionale, i capitali privati e i fondi istituzionali, cercano strade sicure e mediazioni regolamentate per poter differenziare parte del loro portafoglio su titoli legati al settore Blockchain. Per fare questo la Svizzera ha sempre avuto una posizione di vantaggio, velocità nella regolamentazione, fiuto per gli affari e un settore bancario forte e innovativo.

Nuovi analisti ed esperti di settore nel mondo degli investimenti si avvicinano a questo paradigma, vediamo come viene vista la Blockchain proprio attraverso gli occhi di Amun ( famosa divinità egizia? ) 

Un trimestre importante dichiara il cofondatore Hany Rashwan, consolidamento e forti segni di riconoscimento istituzionale si intravedono all’orizzonte. Attraverso regolamentazione e rapporti diretti con le aziende come Facebook , sembra che i governi abbiano rotto il ghiaccio con il settore. Vengono menzionate le numerose novità tecnologiche e di attualità di cui parliamo spesso in diretta sul portale CryptoHelper e in particolar modo nella sezione “exclusive”.

Emerge chiaramente dall’analisi di questa azienda, che i 15 trilioni di debito circolante con rendimenti negativi e le forte difficoltà economiche in cui versa l’economia mondiale con le sue politiche monetarie, siano una promozione forte di quella che viene percepita come un alternativa alla finanza tradizionale. Si potrebbe dire che per alcuni sembri quasi una fuga.

Bitcoin sembra così trovare la sua “killer application” come termometro della salute dell’economia. Il paragone con l’oro sembra essere ormai indissolubile.

Previsione di prezzo (in migliaia di $ ) usando un indice di penetrazione relativo al paragone con l’oro

Prezzo legato alla previsione di spostamento degli investimenti percentuali da oro a Bitcoin.

Allo studio di Amun una serie di tentativi di analizzare graficamente le tendenze cercando di comprendere come il mercato si stia muovendo attraverso diversi indicatori e metodi, rapporti di utilizzo, prezzo, investimenti nel mining o apertura di portafogli (Address).

Consigliamo di scaricare il documento nel link in fondo all’articolo per osservare dati e tabelle.

Ad un osservatore attento però non sfugge un particolare: lo studio incentrato su Bitcoin non prevede nessun tipo di analisi rispetto ad elementi tecnologici di design o aspetti legati alla governance dei protocolli in questione. Le attese che ci vedono speranzosi nei prossimi 5 anni sono legate ad una narrativa fragile che non tiene in considerazione molte problematiche irrisolte come il famoso “scaling”. All’evolversi della tecnologia i “gusti” del mercato potrebbero cambiare repentinamente. La direzione potrebbe virare improvvisamente verso la tecnologia che meglio saprà rispondere alle nostre reali esigenze.

Una nuova bolla è alle porte, quello che viene definito in altre sedi come un nuovo “four year circle” ci porterà a scoprire cosa veramente si trova in fondo alla tana del Bianconiglio.

La spinta generata dall’iniezione di capitale provenienti dai fondi istituzionali è in arrivo. Capire bene la tecnologia e rimanere informati rimane fondamentale.

Lorenzo Dalvit

D.E. Crypto Hepler

The State of Crypto — Q3 2019

 

KNC

Kyber Network Crystal (KNC) è il token di Kyber.Network, Il protocollo di liquidità on-chain che consente l’integrazione di una funzionalità di …

RIF

Nel 2015, Ethereum ha dato una grossa spinta al la tecnologia blockchain introducendo le funzionalità degli smart contract, qualcosa che …

dash criptovaluta anonima

DASH

Dash è un fork di Litecoin ed una delle prime criptovalute derivate ​​dal protocollo Bitcoin. Introdotto nel 2014 ha subito …

Arriva Muir Glacier, il fork a sorpresa di Ethereum

Un hard fork a sorpresa di Ethereum è previsto per il blocco numero 9.200.000, previsto per giovedì 2 gennaio 2020. L’unico cambiamento in questo aggiornamento è che viene ritardata di 2 anni la difficulty bomb (Ice Age), la feature prevista agli albori di Ethereum che aumenta la difficoltà di mining ogni 100.000 blocchi in modo da accelerare la transizione del network a Proof of Stake. Nonostante l’ultimo fork Istanbul sia avvenuto poche settimane fa, è emerso che gli sviluppatori di Ethereum hanno commesso un errore non prendendo in considerazione l’imminente scoppio della “bomba di difficoltà”. Qui potete trovare un conto alla rovescia dell’aggiornamento di rete:

Lost Password
Join us on Telegram Channel @MyCryptoHelper

@

Not recently active